Torna alla homepage


3/19/2015
Salerno-Reggio Calabria ancora chiusa


Nessuna certezza sui tempi della riapertura dopo il crollo del Viadotto Italia

Lo scorso 2 marzo sulla Salerno-Reggio Calabria il crollo improvviso di una campata del Viadotto Italia, in provincia di Cosenza, ha portato alla morte di un operaio. 

La Salerno-Reggio Calabria resta quindi ancora chiusa fra Laino Borgo e Mormanno (CS) e non c'è nessuna previsione sui tempi di riapertura.

Il traffico è stato dirottato sulla rete viaria statale e provinciale, con disagi per i viaggiatori, che devono percorrere lunghe strade alternative, con conseguente dispendio di maggior tempo e carburante.
Gli autotrasportatori si vedono invece costretti a viaggiare sulle autostrade adriatiche, impiegando maggior tempo e con il rischio di non riuscire a rispettare i tempi di consegna delle merci agroalimentari, facilmente deperibili, provenienti dal Sud e dirette nei mercati del Centro-Nord.

Il sequestro dell'A3 colpisce in particolare Calabria e Sicilia, che restano isolate dalla rete autostradale con danni per le attività produttive.

I percorsi alternativi consigliati dall'Anas sono:

  • per i mezzi pesanti in direzione nord dallo svincolo di Spezzano Terme-Tarsia a quello di Lauria Nord, attraverso le strade statali 283, 534, 106 e 653;
  • per i mezzi pesanti in direzione sud dallo svincolo di Lagonegro Nord allo svincolo di Falerna, sulle SS 585 e 18;
  • per i mezzi leggeri in direzione nord dallo svincolo di Mormanno a Laino Borgo, attraverso le provinciali 134, 241 e 133;
  • per i mezzi leggeri in direzione sud da Laino Borgo allo svincolo di Mormanno, attraverso le provinciali 133, 241 e 134.